SI PUO' TENERE UN GRANCHIETTO IN CASA?

Durante le vacanze al mare, i granchi sono un'attrazione irresistibile per tutti i bambini. Li cercano tra gli scogli oppure sotto la sabbia del bagnasciuga. E restano incanti ad osservarli mentre i piccoli crostacei cercano cibo tra le rocce. Poi quando si parte, molti vorrebbero portarli a casa, per allevarli dentro un acquario e continuare l'affascinante gioco. Come poterli accontentare? Chiariamo subito un aspetto molto importante: appropriarsi di animali selvatici è illegale. Non solo, i granchi che vivono nelle nostre coste non sopravvivono in cattività perchè questi crostacei sono abituati ad acque fredde, che non superano i 24 gradi, difficili da mantenere con i normali sistemi di regolazione della temperatura. Ma, una soluzione per non deludere i bambini c'è. Si può allestire un mini reef, cioè una piccola vasca marina, con i granchi tropicali. Ce ne sono di molte varietà, tutte suggestive e facilissime da allevare.

Vediamo come:

  1. si parte dalla vasca, quella per i granchietti deve contenere almeno 30-40 litri. Può essere in plexiglas o vetro. Serve anche una pompetta a immersione: fa muovere l'acqua simulando le correnti marine, Con il risultato di distribuire il calore e il cibo in modo uniforme. Indispensabile poi un termoriscaldatore per mantenere la temperatura sui 26 gradi.
  2. scegliere un buon sistema di illuminazione, che sostituisce gli effetti del sole, è fondamentale per la sopravvivenza degli abitanti del mini reef. I granchietti non hanno bisogno di una luce particolarmente forte, a differenza degli invertebrati. Ai faretti si possono associare le luci attiniche: se si accendono due ore prima e due ore dopo l'illuminazione principale, ricreano l'effetto alba-tramonto.
  3. Nel mini reef non deve mancare il tipo di rocce delle barriere ccoralline, dove vivono questi crostacei. Contengono dei microrganismi che filtrano l'acqua e la mantengono pulita. Sul fondo della vasca va messo uno strato di sabbia spesso 4, 5 centimetri. A questo punto si versa l'acqua. In vendita c'è quella marina già pronta. In alternativa, ci sono dei sali solubili che contengono gli oligoelementi necessari ai granchietti.
  4. la vasca è pronta. ma per mettere i granchi bisogna aspettare che si sviluppino i microrganismi utili alla loro sopravvivenza. Ci vuole un mese: le prime due settimane si lasciano le luci spente, poi piano piano si accendono.
  5. Quando si acquistano gli abitanti dell'acquario, si può scegliere il nitrax, il granchio di porcellana (bianco con le chele nere), quello ragno o quello spugna, tutti interessanti per i bambini. Soprattutto quando fanno la muta e abbandonano la vecchia corazza. Si può mettere anche un pistol crab, un gamberetto che con una chela lancia delle bolle d'aria producendo un rumore simile a un colpo di pistola.