SCADENZE SOTTO CONTROLLO

 

 

Prima di sciogliere gli ormeggi, tra i controlli da effettuare non bisogna dimenticare quelli ai documenti di bordo. Essere in regola con la legge è infatti sempre un dovere, ma anche una precauzione per evitare di vedersi guastare la vacanza da una multa inaspettata.

 

Ricapitoliamo allo quali sono i documenti obbligatori da tenere a bordo anche alla luce delle ultime norme di legge.

 

 

Assicurazione. Per tutte le unità da diporto  i motori fuoribordo è obbligatorio avere almeno la copertura assicurativa per la responsabilità civile (Rc).

Sono esentate solo le barche a remi o a vela senza motore ausiliario. L'attestato della polizza deve essere tenuto a bordo.

Dall'11 giugno 2012 l'importo base dei massimali, ovvero il risarcimento più alto che l'assicurazione è tenuta a pagare per legge, sale a un milione di euro in caso di danni alle cose e  a 5 milioni di euro per danni alle persone. Meglio quindi controllare che la polizza sia adeguata a questi valori.

Un'altra novità di cui tenere conto è l'entrata in vigore dallo scorso marzo dell'istituto della mediazione anche per l'Rc auto e i natanti. Quindi in caso di controversie, sarà obbligatorio utilizzare questa forma di conciliazione.

 

 

Segnali soccorso. Razzi a paracadute, fuochi a mano a luce rosse e boette fumogene hanno una scadenza di quattro anni dalla data di fabbricazione.

 

Pesca. Dal mese di maggio 2011 per praticare la pesca sportiva, anche da una barca, bisogna essere registrati in un elenco del ministero delle Politiche Agricole. La comunicazione si può effettuare dal sito del ministero o tramite le associazioni di settore. L'attestato di avvenuta comunicazione è gratuito e deve essere mostrato alle autorità in occasione di eventuali controlli. Un decreto del ministero delle Politiche Agricole dello scorso ottobre ha esentato dalla registrazione chi pesca da terra e sospeso i controlli dal 15 giugno al 15 settembre per chi pesca da barche di lunghezza inferiore ai 6 metri o senza motore.

 

Patente nautica. La patente nautica è necessaria per navigare oltre le 6 miglia dalla costa, per condurre gli acquascooter, le barche adibite allo sci nautico, quelle lunghe 24 metri (navi) o con motore di potenza superiore ai 40,8 cv . La patente è rilasciata per navigare "entro dodici miglia dalla costa", o "senza alcun limite dalla costa". La patente nautica deve essere rinnovata ogni 10 anni o ogni 5 anni se il titolare ha superato i 60 anni. Il rinnovo di questo documento può essere effettuato anche prima della scadenza.

 

Estintori. Per gli estintori non è prevista alcuna verifica periodica; devono essere in buono stato di conservazione e con l'indicatore di pressione (se c'è) nella zona di carica (verde).

 

Tassa di stazionamento. I possessori di imbarcazioni con lunghezza superiore ai 10,01 metri (misurata secondo le norme armonizzate En/IsoDis 8666), residenti in Italia, devono pagare entro il prossimo 31 maggio la tassa annuale sulle unità da diporto, introdotta dal decreto salva Italia e poi modificata dal decreto liberalizzazioni e dal decreto fiscale. L'importo versato si riferisce al periodo 1.5.2012 - 30.04.2012.

 

Certificato di radiotelefonista. Per utilizzare un apparato radio ricetrasmittente, come il Vhf, è necessario possedere il Certificato Limitato di Radiotelefonista, convenzionalmente chiamato "patentino". E' un documento personale che consente di utilizzare stazioni radio con potenza fino a 60 Watt ed è rilasciato dagli Ispettori Territoriali del ministero delle Comunicazioni. Non ha scadenza.

 

Licenza di esercizio. E' obbligatoria per tutte le unità da diporto dotate di un apparato radiotrasmittente. E' rilasciata dagli Ispettorati del ministero delle Comunicazioni, contiene i riferimenti dell'apparecchio e deve essere rinnovata in caso di sua sostituzione, modifica o quando se ne aggiunge uno nuovo. Anche l'Epirb, la radioboa satellitare, è considerata una ricetrasmittente e quindi va dotata di Licenza di Esercizio.

 

Se si naviga nelle acque italiane tutti i documenti possono essere tenuti a bordo in fotocopia autenticata. Durante la navigazione è opportuno che tutti in barca abbiano un documento di identità.

 

 

 

 

 Articolo tratto dalla rivista “Bolina ”.