SANTA DOMENICA TALAO

Dista da Scalea una decina di Km, altrettanti attraversando la località di Piano Grande da San Nicola Arcella, provenendo da sud nelle vicinanze di Scalea troverete le indicazioni Pista Kart, seguitele vi condurranno comodamente ai 300 mt s.l.m. di Santa Domenica Talao.

Tra i primi a popolare questa località giunsero i monaci Basiliani, qui edificarono alcuni cenobi e molte chiesette, una di queste venne dedicata a Santa Domenica da cui tutt'ora il paese ne prende il nome.

La chiesa parrocchiale di San Giuseppe Patrono, custodisce una tela del '600 di sicura scuola Giordanesca ed una pregevole croce d'argento del 1741.

Negli anni successivi questo bel borgo antico, per il grande territorio collinare da cui è circondato, crebbe come centro agripastorale.

La vista a valle è spettacolare vi si può ammirare buona parte della Riviera dei Cedri, sino all'Isola di Cirella e nelle giornate più terse, anche la sagoma di Stromboli.

Continuando per la vecchia statale 504 dopo circa mezz'ora si raggiunge Papasidero, un piccolo comune totalmente abbarbicato ad una rupe a strapiombo sul fiume Lao. Oggi più che mai il tutto appare molto suggestivo, quasi surreale.

Ancora una manciata di chilometri lungo la stessa strada ed aver compiuto una deviazione ben indicata dalla segnaletica, sarete giunti alla grotta del Romito, dove potrete ammirare una delle scoperte archeologiche più importanti d'Italia, il graffito del "Bos Primigenius" appartenente al paleolitico superiore, autentico capolavoro artistico di quell'era.