LA CUCINA CALABRESE

La cucina calabrese è genuina e fantasiosa, dai sapori forti e decisi, in cui hanno trovato mirabile mescolanza le varie culture che nel corso dei secoli hanno pervaso la regione.

Le paste sono per lo più preparate in casa e sono tante quanti i sughi e le salse con i quali vengono servite.

Si tratta quasi sempre di sughi fatti con carne di manzo, vitello, maiale, agnello, cotta con pazienza e cura in un passato di pomodoro prodotto in loco e conservato con olio d’oliva purissimo. Il tutto è profumato e arrossato da buon peperoncino locale.

Nei luoghi montani, in Calabria, è d'obbligo gustare i vari piatti a base di funghi, dal nobilissimo e profumato porcino della Sila ai funghi rositi. Tutte le varietà di funghi trovano la loro giusta collocazione in una cucina densa di gustosissime ricette la cui "povertà" è solamente apparente e finisce per esaltare i sapori senza snaturarli.

Le carni sono generalmente cotte nel sugo o arrostite. Gustosissimo il capretto con le patate cotto al forno e impreziosito con piselli e carciofi a seconda della stagione.

Innumerevoli le verdure e i prodotti dell'orto che fanno da contorno ai piatti principali dei quali sovente ne rubano il ruolo: melanzane, peperoni, fave,ecc…

Anche il pesce, nelle zone costiere del Tirreno e dello Ionio, merita un posto di primo piano nella cucina calabrese. Il tonno e i mille modi di gustare il pesce spada, le fritture di pesci di una fauna autoctona, le zuppe, gli intingoli e vari involtini cotti al forno, sono "piatti" da non perdere.