AL VIA GLI ECO-CONTRIBUTI

Dal 1° aprile parte la legge su recupero&riciclo degli elettrodomestici. E...tu partecipi ai costi dell'operazione. Qui tutto quello che è meglio sapere:

Devi comprare una lavatrice, il frigo,la TV,un computer? O anche un cellulare, un frullatore o magari dei giochi elettronici? Il negoziante sarà obbligato a ritirarti gratuitamente quelli vecchi. E' la formula uno contro uno (che prima era a sua discrezione e a pagamento). E' la nuova regola stabilita dall'operazione recupero e riciclo dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). E finalmente: la legge 151 risale al '95!!! Il "nuovo corso" scatta ufficialmente il 1° aprile, ma già da metà novembre 2007 se hai comprato uno di questi prodotti hai pagato l'eco-contributo, destinato a creare i consorzi incaricati del trasporto ai siti di smaltimento.

    Attenzione, quest'ultimo probabilmente continuerai a pagarlo. Salvo che tu stessa porti il vecchio apparecchio di persona al negozio.

    Allora sei tu (o l'azienda comunale di raccolta) a dover trasportare l'elettrodomestico alla piazzola; chiedi in Comune dove si trova.

    Sono prelevati dai consorzi, creati e finanziati dai produttori (es. Ecodom per gli elettrodomestici, ReMedia soprattutto per elettronica e tv) che li portano allo smaltimento.

    E cioè: dai vecchi elettrodomestici vengono salvate parti in metallo, plastica, vetro, rame che diventano materie prime seconde e sono ri-usate.

    Lo versiamo, caricato sul prezzo dei prodotti per la salute e l'ambiente. E chi butta di più, inquina e paga di più. Consolati ricordando che il ricavato non va alle ditte ma copre le spese dei consorzi.